val taleggio : una struttura a disposizione…

 

sottochiesa

 

guarda e fatti venire delle idee…

                                                   Valtaleggio1

Annunci

Polovest verbale e prossimo incontro

Buongiorno a tutti

Vi invio il verbale dell’ultimo incontro redatto da Daniela Mondoni.

                               

IL PROSSIMO INCONTRO 5 GIUGNO 2018 PRESSO MUNICIPIO 6, ORE 09.45

Chiedo al Municipio 6 di prenotare e confermare

Come vedete ci sono tanti allegati oltre il verbale

Ci sono i documenti del progetto diurnato innovativo presentati al Forum delle politiche sociali, di cui abbiamo parlato nell’ultimo incontro, che Luca Baldan ha recuperato.

C’è la locandina dell’evento del municipio 6 Superabilità, ci sono le mail dell’assessora Barbieri per divulgare questa iniziativa e l’invito al tavolo disabilità del Municipio 6 convocato per venerdì 25 maggio 2018, ore 14.00, presso il Municipio 6 per preparare il programma delle “giornate del sociale” di fine settembre 2018

Buona lettura

A presto

 

David Scagliotti
Azione Solidale
Soc.coop.sociale
via Gabetti 15
20147 Milano
tel. 0248304931
david.scagliotti@azionesolidale.com

www.azionesolidale.com

 

Allegati:

26 marzo 2018 Miotti Diurnato innovativo PERSONE con disabilità lieve ULTIMO

Catalogo Scheda attività Diurnato 5_12_17

Open Day CDD_Superabilità Municipio 6

VERBALE POD MAGGIO

polo ovest

Buongiorno ,

vi ricordo

Il  Prossimo Polo Ovest  – mercoledì 2  maggio – ore 9:45 – Municipio 8 via Quarenghi

 

ODG:

Evento Municipio 8  – Superabilità

Rapporto tra i Poli e aggiornamento dal coordinamento Poli

Aggiornamento servizi diurni e innovazione

Convegno abitare diffuso, mappatura residenze e L.112

Varie

 

David

 

David Scagliotti
Azione Solidale
Soc.coop.sociale
via Gabetti 15
20147 Milano
tel. 0248304931
david.scagliotti@azionesolidale.com

www.azionesolidale.compolo

NOIlab: saldiamo i nodi della Rete

polo sud e est in movimento :  per uscire dalla solitudine
Social Coworking a Rozzano per creare un ponte solido con la citta’ di Milano e sostenere gli ETS ,migliorare la comunicazione e le nuove progettualità’ sociali su questo territorio , il primo incontro i 14 maggio alle 19.30 presso cav Rozzano via garofani vi aspettiamo

verso NOIlabMilano distretto 7 Milano , per il dopo di noi nel durante noi.

Il punto di Prossimita’ NOIlabMilano distretto 7 Milano
per il dopo di noi nel durante noi.

Da portatore di handicap a persona fragile un percorso culturale

In questi trent’anni siamo passati dall’uso del termine portatore di handicap a persona fragile, passando per handicappato, diversamente abile, persona con disabilita’ .Visto che le parole segnano un cambiamento culturale, siamo passati da una logica emarginante ad una logica inclusiva .
nel 2004 la legge sull’amministratore di sostegno ha segnato un punto molto importante verso un concetto trasversale di fragilita’, fragilita’ che la comunita’ locale deve accogliere e tutelare ,in luoghi riconoscibili che segno di prossimità .

Dallo sportello Ads al punto di prossimità

Per questi motivi ,in tutta la regione lombardia, grazie al progetto Cariplo-csv – ledha ,nacquero intorno al 2010 gli sportelli sull’ads ,luoghi per promuovere e sostenere questa figura di cittadinanza attiva .
in contemporanea, nelle reti sociali si e’ sviluppato il concetto di Progetto di Vita di cui l’ads e’ una delle azioni virtuose da sviluppare, insieme all’abitare, al tempo libero/vacanze ,alla gestione del risparmio, al lavoro possibile .

ruoli e funzioni del Punto di Prossimita’
con la legge 112 sul dopo di noi , e le risorse economiche messe a disposizione, si fa sempre piu’ forte l’esigenza di offrire alle famiglie e agli ETS ,un luogo riconoscibile nei territori, in cui partendo dal progetto di Vita con la persona fragile e la sua rete affettiva, si possano sviluppare progetti personali e di piccolo gruppo per la vita adulta, quindi per il cd dopo di noi .

 

UN luogo quindi di :
– ascolto dei bisogni
individuazione delle priorità
progettazione
realizzazione e gestione di progetti personalizzati
messa in rete delle risorse umane, progettuali ed economiche
individuazione di nuovi modelli gestionali
pianificazione degli interventi
monitoraggio della loro qualità attraversi gli ads e i caregivers

 

la rete di sostegno

questo luogo verra’ sostenuto dal pdz dalla rete degli ets e dalla comunita’ (famiglie)

attivita’ di NOILAB e costi di gestione
accoglienza famiglie
rilevazione dei bisogni
gruppi famiglia
promozione del ruolo di ads
sostegno alla gestione delle ads e gestione dirette
stesura insieme del progetto di vita
sviluppo di una rete di professionisti per un apporto multidisciplinare
incubatore di progetti CASA complessi
servizi domiciliari di manutenzione casa e assistenza
sviluppo dell’abitare diffuso e del cohousing
messa in rete di risorse strutturali disponibili
gestione della domanda e offerta di posti casa

IL PROGETTO DI VITA
ads lavoro pro bono e retribuito salute autonomia vacanze tempo libero mantenimento e sviluppo rete sociale di riferirento hobby/piaceri

ads
lavoro pro bono /retribuito
rete
sociale
interessi e piaceri
vacanze

l’ abitare diffuso

abitare sociale diffuso, in un territorio definito l’offerta abitativa è data da una
rete di residenze non ubicate nello stesso spazio ma collegate fra loro, con
stessi referenti amministrativi e gestionali.
Tale concetto nel mondo della fragilita’ ci permette di collegare fra loro realtà
abitative differenti (anche con pesi assistenziali diversi ) che si adattano al
progetto di vita degli inquilini creando economie di scala .

“abitare diffuso ” prevede quindi  una solida realtà territoriale di riferimento che
funge da capofila e coordinamento
1 una rete di abitazioni collegate appartamenti css , microcomunità rsd
2   alcune associazioni e coop in ats
3  la definizione di un territorio di riferimento controllabile con spostamenti non
superiori ai 20 min  auto
4 l’associazionismo del territorio
5 i gruppi spontanei
6 le famiglie del territorio
7 le agenzie di aggregazione (parrocchie,centri sociali ecc)
Per quale territorio ?
indicatori per definire il bacino territoriale :
– appartenenza allo stesso pdz o a pdz limitrofi
– valutazione della rete viaria e dei trasporti che possa permettere
una facilità di spostamenti